Rischio rumore: obblighi per i datori di lavoro

Valutazione del rischio rumore: quando è obbligatorio per il datore di lavoro?

Aprile 20, 2022 8:00 am

Il D.Lgs. 81/08, anche definito Testo Unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro nel Titolo VIII regolamenta i rischi correlati a tutti gli agenti fisici, tra cui il rumore.

Si definisce rumore un suono sgradevole, risultato di energia meccanica emessa da una sorgente che si propaga in un mezzo (solido, liquido o gassoso) sottoforma di vibrazioni. Il rumore è spesso responsabile di insorgenza di malattie professionali (una delle quali è l’ipoacusia da rumore) e infortuni sul lavoro dovuti principalmente alla riduzione della percezione di segnali acustici di sicurezza.

L’art. 28 del D.Lgs. 81/08 afferma che il datore di lavoro ha l’obbligo di valutare tutti i rischi all’interno della sua attività lavorativa, compreso il rischio rumore.

Pertanto, anche nelle attività in cui sia chiaramente assente o trascurabile tale rischio, il datore di lavoro deve comunque valutarlo sempre indicandolo espressamente nel DVR come assente.

In modo particolare il datore di lavoro deve sempre considerare:

-il tempo e la durata di esposizione al rumore perché costituiscono elemento fondamentale per stabilirne la nocività;

-i livelli di esposizione al rumore (misurabili in decibel tramite apposita fonometria);

-i valori limite di esposizione (80 dB) e i valori superiori (87 dB) ed inferiori (85 dB) di azione fissati e normati nel D.Lgs. 81/08;

-le misure di prevenzione da adottare al fine di ridurre ad un livello accettabile il rischio rumore (es. sorveglianza sanitaria);

-le misure di protezione (es. DPI per l’udito).

In relazione al livello di esposizione al rumore il datore di lavoro dovrà:

– se > 80 dB informare, formare i lavoratori e fornire obbligatoriamente i DPI per l’udito;

– se > 85 dB far usare obbligatoriamente i DPI e sottoporre i lavoratori a sorveglianza sanitaria,

– se > 87 dB mettere in atto azioni correttive immediate: individuare le cause di esposizione, modificare i processi e le misure di protezione.

I DPI per l’udito/otoprotettori (cuffie, inserti auricolari) rientrano tra i dispositivi di III categoria ai quali è previsto obbligatoriamente un addestramento oltre che una preventiva informazione e formazione. L’addestramento altro non è che un’attività formativa più avanzata finalizzata a far acquisire al lavoratore l’abilità ad utilizzare correttamente l’attrezzatura o il DPI.

In riferimento alle modifiche introdotte nel Testo Unico a seguito dell’entrata in vigore della Legge di conversione n. 215/2021, nel comma 5 dell’art. 37 del D.Lgs. 81/08 viene espressamente richiesto inoltre l’obbligo di registrazione di tutte le attività di addestramento su apposito registro.

Rivolgiti a CHEMICHAL SRL, in grado di fornirti un supporto tecnico per tutti gli aspetti inerenti la sicurezza sul lavoro della tua attività, attraverso sopralluoghi periodici svolti da consulenti esperti nel settore, misurazioni ambientali, elaborazione della documentazione necessaria ed erogazione dei corsi di formazione rivolti a tutte le figure coinvolte nella prevenzione aziendale. Contattaci al numero 06-94010331 o all’indirizzo e-mail chemichalsrl@gmail.com per avere tutte le informazioni e/o delucidazioni!

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da commerciale

Inserisci commento